Bal Ashram: Newsletter Novembre 2013

Posted in Blog

Bal Ashram: Newsletter Novembre 2013

Bal Ashram, Varanasi, Novembre 2013

Cari amici,
lentamente si torna alla normalità dopo settimane trascorse ad osservare il ritiro del fiume e le conseguenze sul terreno e lungo gli argini (clicca qui per leggere la newsletter precedente).
Dopo un lungo alternarsi di pioggia e sole, il clima sembra essersi assestato. Il terreno prima fangoso ma compatto si è definitivamente asciugato divenendo però friabile. Così numerose case (anche più lontane di noi dalla riva) si sono ritrovate con i pavimenti abbassati. Nuove crepe sono apparse e si allargono giorno dopo giorno sugli scalini del tempio e sulle stanze (cucina e magazzino) più vicine al fiume. Continua ad impressionarci la visione dell’angolo nord dell’ashram con un pilastro completamente esposto. Ora stiamo cercando di risistemare un pò il terreno dei giardini esterni aspettando di ricevere opinioni e guida da tecnici esperti.
L’inondazione ha aumentato i casi (già alti nel periodo post monsonico) della dengue. E’ stata una vera e propria epidemia con gli ospedali che sono letteralmente scoppiati.

DSCN3699 (Small)Noi “fortunatamente” abbiamo avuto solo un’ondata di parassiti intestinali e pidocchi che prontamente Daniele (un amico volontario di Vicenza) ha eliminato alla radice con il suo rasoio elettrico da viaggio!
Anche gli studenti della scuola sono tornati; alcuni di loro però si sono trasferiti troppo lontano per riuscire a frequentare ancora l’Anjali school. Molti hanno ripreso le lezioni dopo la guarigione da malaria o tifo.
Dallo scorso aprile (dopo un check-up completo a tutti gli studenti) si è pensato di offrire loro uno spuntino durante la ricreazione. Numerosi bambini vengono a scuola con solo un thè in pancia. Così assieme al medico che fece le visite abbiamo deciso un semplice ma nutriente snack quotidiano: riso soffiato, cereali, arachidi, noccioline e ceci e due volte alla settimana frutta di stagione.
Le maestre, dieci minuti prima della ricreazione preparano la merenda e la distribuiscono prima del suono della campanella.
C’è chi si porta la sua scatoletta di plastica; chi si riempie le tasche dei pantaloni e della camicia…..e c’è anche chi, aguzzando l’ingegno si prepara dei capienti imbuti di carta!
In ogni caso il risultato non cambia: dopo la ricreazione si sta molto meglio in classe quando la pancia non brontola per la fame!
In questo mese abbiamo avuto con noi anche Isabella, un’amica di Mantova, che dopo sette anni di insegnamento di storia dell’arte dell’India all’università dell’Oregon è tornata in Italia. Per la prima volta gli studenti di classe V° si sono avvicinati al meraviglioso mondo della miniatura indiana (la specialità di Isabella). Non sanno nulla dei loro tesori artistici che il resto del mondo studia ed anela ad avere nei suoi musei e/o mostre.
E così a conclusione del suo soggiorno abbiamo organizzato una visita al museo “Bharat Kala Bhavan” dell’università di Varanasi (http://www.bhu.ac.in/kala/) per vedere dal vivo i dipinti studiati ed osservati in classe.
Tra inondazioni, fame e pestilenze è bene ritagliare anche un pò di spazio per la spensieratezza ed il divertimento. Abbiamo ospitato l’associazione francese Magis per organizzare uno spettacolo di giochi di prestigio: bambini di diverse organizzazioni locali sono venuti per assistere allo spettacolo. I bambini del Bal Ashram hanno poi partecipato ad un workshop di un paio d’ore per rubare qualche trucco del mestiere!
Tutti attenti e silenziosi per imparare come si fanno sparire le palline di spugna: mai visto tanto impegno durante l’ora di matematica o inglese!
Dall’altra parte del fiume sono ricominciate le semine mentre qui continua la spremitura dei semi di senape per la produzione dell’olio. A scuola ora abbiamo due sessioni: una al mattino ed una al pomeriggio. Così la vecchia aula per i bambini dell’asilo è stata trasformata in un laboratorio per la produzione di farine, spezie e olio. Che intensità di profumi nella stanza, mentre sono al lavoro!
E quanti complimenti ricevuti per la qualità dell’olio!

DSCN3917 (Small)Il giardino dell’ashram ed il suo manto erboso sono al momento solo un ricordo ma come ogni cosa anche questo ha i suoi aspetti positivi: si può correre con la bicicletta avanti ed indietro senza restrizioni. E vi salutiamo con le foto delle lezioni di bicicletta di Amit ai piccoli Gagan e Kashi!

Un caro saluto dal Bal Ashram, Camilla e Lorenzo