Razzismi mal mascherati; l’Asia non è al centro?

Razzismi mal mascherati; l’Asia non è al centro?

A cura di Silvio Marconi, autore di Quando una farfalla batte le ali in Cina   Napoleone Bonaparte nel 1812 attacca la Russia, apparentemente solo perché la Russia, formalmente sua alleata in questa fase, non applica alla lettera il blocco dei porti contro l’Inghilterra.  In realtà, dietro quella decisione ci sono anche motivazioni ideologiche che, ancora una volta, mostrano l’intreccio fra due elementi, entrambi razzisti. Il...

Read More

Razzismi mal mascherati; l’Asia dove non esiste

Razzismi mal mascherati; l’Asia dove non esiste

A cura di Silvio Marconi, autore di Quando una farfalla batte le ali in Cina   E’ facile identificare il razzismo verso una etnia, un popolo, una religione quando essi sono presenti in un dato contesto storico-culturale e geografico ed è anche facile notarne i meccanismi di azione; che si tratti dei sudditi musulmani o ebrei dei sovrani spagnoli dell’inizio del XVII secolo, dei Neri nel Sudafrica dell’apartheid, degli Ebrei e dei...

Read More

Razzismi mal mascherati; l’Asia come nemico

Razzismi mal mascherati; l’Asia come nemico

A cura di Silvio Marconi, autore di Quando una farfalla batte le ali in Cina   Prima di affrontare il tema di come il razzismo anti-asiatico si sia sviluppato in Occidente e caratterizzi ambiti che, come scopriremo, sono ben più ampi di quelli espliciti, occorre fare qualche considerazione sul concetto stesso di Asia. Va innanzi tutto detto che nessuna cultura asiatica ha mai elaborato il concetto di “Asia”, ossia che gli...

Read More

La fabbrica del razzismo; la pop-sinofobia

La fabbrica del razzismo; la pop-sinofobia

A cura di Silvio Marconi, autore di Quando una farfalla batte le ali in Cina   Questa serie di articoli, di cui ora presentiamo il terzo (cliccare qui per il primo e qui per il secondo), tratta di uno dei vari esempi di fabbricazione del razzismo: quello della sinofobia, ossia dell’odio, del disprezzo, della criminalizzazione dei Cinesi. Nell’articolo precedente si è già detto come questa realtà, come del resto qualunque altro...

Read More

La fabbrica del razzismo; la divulgazione del razzismo sinofobo

A cura di Silvio Marconi, autore di Quando una farfalla batte le ali in Cina   Il razzismo sinofobo, come abbiamo visto nell’articolo precedente (e come avvenne per ogni altro tipo di razzismo, da quello contro i Neri a quello contro gli Ebrei, da quello contro gli immigrati italiani negli USA ed in Australia a quello attuale contro gli immigrati mediorientali in Italia e in Ungheria ) viene fabbricato a tavolino da élites culturali...

Read More

La fabbrica del razzismo; nasce la sinofobia

A cura di Silvio Marconi, autore di Quando una farfalla batte le ali in Cina   In epoche differenti, in contesti diversi, si è manifestato e si manifesta il morbo razzista, che va subito detto è un morbo artificialmente fabbricato e altrettanto artificialmente diffuso e non il risultato di concezioni e di attitudini “naturalmente” caratteristiche di questa o quella nazione o popolazione. Quando parliamo di razzismo, infatti, parliamo...

Read More

Cinesi nelle brigate internazionali

Cinesi nelle brigate internazionali

A cura di Silvio Marconi.   Dopo che il Giappone aveva già aggredito la Cina nel 1931, occupando la Manciuria e creandovi lo stato-fantoccio del Manciukuò, dal luglio 1937 la Cina subì la tremenda aggressione nipponica generalizzata che fino al 1945, ossia alla resa dei Giapponesi, avrebbe portato alla morte di oltre 3 milioni di soldati cinesi e, soprattutto, di oltre 9 milioni di civili (secondo alcune fonti cinesi addirittura di 35...

Read More

Essere comunità!

Essere comunità!

Di seguito l’introduzione al testo Comunità intenzionali, ecovillaggi e cohousing, di recentissima pubblicazione. Buona  lettura! Manuel Olivares   Sono passati otto anni dalla pubblicazione dell’ultimo testo che ho scritto sull’universo comunitario, nel corso dei quali non si può certo dire il mondo non abbia assistito a rilevanti cambiamenti. Banale dire che — oggi più che nel 2010 — il mondo appare progressivamente più...

Read More