Comunicato Stampa della Comunità Islamica Ahmadiyya

Posted in Blog

Comunicato Stampa della Comunità Islamica Ahmadiyya

I lettori di Viverealtrimenti dovrebbero conoscere la Comunità Islamica Ahmadiyya. Ne abbiamo parlato sul magazine, nostro partner, Corriere Asia, nonché sul nostro ultimo libro Gesù in India?Segue un comunicato del Quinto Califfo della Comunità, di solidarietà con le vittime degli efferati attacchi di Parigi e di ferma condanna degli attentatori.Per maggiori informazioni sulla Comunità Islamica Ahmadiyya, presente in oltre 200 paesi nel mondo, segnaliamo il suo sito internazionale e quello della sezione italiana.

Buona lettura!

Nel nome di Allah, Colui che concede Grazia, il Misericordioso

14 Novembre 2015

Comunicato Stampa
Il leader della Comunità Islamica Ahmadiyya condanna gli attentati di Parigi e
prega per le vittime.

Il leader mondiale della Comunità Islamica Ahmadiyya, il quinto Califfo, Sua Santità Hazrat Mirza Masroor Ahmad, ha condannato gli attacchi terroristici della notte scorsa a Parigi.
Parlando da Londra, Sua Santità Hazrat Mirza Masroor Ahmad ha dichiarato:

A nome della Comunità Islamica Ahmadiyya mondiale esprimo le mie più sentite e solidali condoglianze alla Francia, al popolo francese e al suo governo, a seguito degli atroci attacchi terroristici che hanno avuto luogo a Parigi.
Azioni di tale brutalità possono solo essere condannate nella maniera più rigorosa.
Vorrei anche ribadire che ogni forma di terrorismo ed estremismo è del tutto antitetica ai veri insegnamenti dell’Islam. Nel Sacro Corano si afferma che togliere la vita anche una sola persona innocente equivale a uccidere l’intero genere umano.
Di conseguenza, nessuna circostanza può giustificare un assassinio e coloro che tentano di ricondurre i propri atti efferati all’Islam non fanno altro che infamarlo nel peggiore dei modi.
Rivolgiamo la nostra solidarietà e le nostre preghiere alle vittime di questi attacchi e a tutti coloro che ne abbiano subito ogni sorta di conseguenze.
Possa Dio Onnipotente concedere loro la pazienza necessaria.
Spero vivamente che i perpetratori di atti di tale, innominabile gravità siano rapidamente consegnati alla giustizia.

Per maggiori informazioni scrivere a:
imam@alislam.it