Ecovillaggio di Habitat

Posted in Comunità intenzionali ed ecovillaggi

Ecovillaggio di Habitat

A cura di Mattia Confalonieri

 

Habitat nasce nel 2010 quando una giovane coppia decide di dare vita all’Associazione – Ecovillaggio con l’obiettivo principe di divenire autosufficienti economicamente e vivere a stretto contatto con la natura. Tra la maestosità di Volterra e San Gimignano si snodano i 13 ettari di terreno e gli alloggi dei membri, sei attualmente. Inappagati da un sistema societario in cui si diviene pedine, cavie volte alla produzione infinita, Habitat sceglie di dare il via ad un progetto comunitario focalizzato sulla permacultura. Dalla pianificazione degli spazi alla gestione degli orti, obiettivo primario è la felicità delle persone e dell’ecosistema in cui esse vivono, un equilibrio tra uomo e natura che sia ideale, una gestione della terra etica e sostenibile in cui l’uomo e la natura collaborino fianco a fianco pacificamente.

Diplomato in Permacultura nel 2012, Roberto Liardo coordina le attività di formazione e l’ospitalità, disponibile in tenda presso apposite piazzole autosufficienti (attualmente in costruzione, ognuna con propria food forest). Attualmente la comunità è autosufficiente per quanto riguarda l’acqua, ogni membro ha il suo alloggio privato e le spese vengono sostenute con i ricavi provenienti dall’agricoltura e dai corsi che vengono offerti al pubblico. Ogni membro ha il suo ruolo all’interno della realtà comunitaria, c’è chi si occupa di ospitalità e formazione, chi degli orti, chi della cucina, chi di costruzione, eccetera.

Esiste una cassa comune per gestire i ricavi comuni, in linea generale ognuno è referente di sé stesso, il sistema vigente è quello della Sociocrazia, secondo il quale le decisioni relative a ciascun ambito gestionale sono prese autonomamente poiché tutto il gruppo si fida dell’operato di ciascuno. Le decisioni collettive vengono invece prese, all’unanimità. riunendosi in cerchio, come in molte altre esperienze eco-comunitarie.

I corsi offerti attualmente sono quelli di permacultura (per principianti ed esperti), alimentazione, autocostruzione, curarsi con le piante, ciclo dell’acqua, autoproduzione pannelli fotovoltaici e molti altri a seconda del periodo.

La comunità collabora con le altre realtà comunitarie Toscane, è iscritta alla RIVE  e da diversi anni collabora con diversi tribunali sul suolo Italiano e con l’Unione Europea con programmi di reinserimento socio giudiziario per giovani-minorenni svantaggiati, che hanno la possibilità di formarsi presso Habitat ed imparare tecniche di convivenza e autoproduzione alimentare oggi più che mai utili e necessarie.

 

Località Palagione, Via Volterrana
50050 Gambassi Terme (FI)
Tel.: 338 2081548
www.ecovillaggiohabitat.it
ecovillaggiohabitat@gmail.com

 

Per approfondire il fenomeno comunitario

 

Quindici anni di studi — in biblioteca e sul campo — sul vivere insieme.
Il quarto di una fortunata serie di testi sull’universo comunitario, ogni giorno più multiforme. Un excursus che, dalle prime comunità essene, giunge alle contemporanee esperienze di cohousing tentando di non trascurare nessuno: esponenti radicali della riforma protestante, socialisti utopisti, anarchici, hippies, kibbutzniks, ecologisti più o meno profondi, new-agers, cristiani eterodossi, musulmani pacifisti e altro ancora.
Una mappatura ragionata — su scala italiana, europea e mondiale — di gruppi di persone che abbiano deciso di condividere, in vario modo, princìpi, ambienti, beni di vario genere e denaro, di comunità sperimentali — spesso ecologiste — dove si sondino le suggestive sfide di uno spazio vitale comune.

 

Manuel Olivares, sociologo di formazione, vive e lavora tra Londra e l’Asia.
Esordisce nel mondo editoriale, nel 2002, con il saggio Vegetariani come, dove, perchè (Malatempora Ed). Negli anni successivi pubblicherà: Comuni, comunità ed ecovillaggi in Italia (2003) e Comuni, comunità, ecovillaggi in Italia, in Europa, nel mondo (2007).
Nel 2010 fonda l’editrice Viverealtrimenti, per esordire con Un giardino dell’Eden, il suo primo testo di fiction e Comuni, comunità, ecovillaggi.
Seguiranno altre pubblicazioni, in italiano e in inglese, l’ultima e di successo è: Gesù in India?, sui possibili anni indiani di Gesù.

 

Leggine l’introduzione

 

Prezzo di copertina: 16.5 euro Prezzo effettivo: 14 euro