Il progetto di Will e Mira

Posted in Comunità intenzionali ed ecovillaggi

CHI SIAMO
Siamo una coppia che ha deciso, negli ultimi anni, di svincolarsi dai molti condizionamenti culturali, sociali, economici che riducono in schiavitù l’essere umano cosiddetto “civilizzato”. Stiamo facendo un percorso personale per ridurre al minimo i consumi e gli sprechi portando consapevolezza nelle azioni e nelle scelte quotidiane.
Cerchiamo di seguire il più possibile uno stile di vita igienista ed ehretista, che comprende un’alimentazione fruttariana crudista, esercizio fisico, meditazione, sole e aria pulita. Evitiamo droghe e stimolanti, pratichiamo digiuno quando il corpo lo richiede, come mezzo per ritrovare la salute, e cerchiamo di frequentare ambienti armonici nella natura dove c’è molta energia vitale. Abbiamo fiducia nei nostri propositi e nelle nostre capacità.
Siamo stati in viaggio in Italia (e in Asia 5 mesi) con soluzioni di scambio lavoro, facendo esperienza agricola e imparando molto dalla relazione con la natura, con gli esseri umani e con gli altri animali.
Attualmente stiamo valutando terreni in Italia.

LO SCOPO
Staccarsi definitivamente dal contesto urbano e non dipendere più dai bisogni indotti, tra i quali i soldi. Essere autonomi e autosufficienti dal mondo esterno, nel vero senso della parola, per approvvigionamento acqua, cibo, oggetti utili, abitazioni-rifugi e infine vivere di raccolta e autoproduzione in un contesto a impatto ecologico al minimo.
Tuttavia senza rinunciare a mezzi di comunicazione come il computer con internet o elettrodomestici eventuali (torcia, centrifuga, frullatore, ecc..) funzionanti con pannelli ad energia solare.

IL LUOGO
Cerchiamo un luogo in pianura o collina, immerso nella natura con una bassa densità di popolazione nei dintorni e nella regione, magari vicino ad una montagna dalla quale scaturisce un fiume da cui avere acqua a valle. Situato vicino ad un bosco e lontano da eventuali risorse che potrebbero interessare a fini economici.
È preferibile che vi siano già molti alberi da frutto e una terra fertile per coltivare in un luogo soleggiato e protetto da correnti forti. Il luogo non dovrebbe essere interessato ad operazioni di aerosol clandestine (chemtrails). Un opzione alternativa potrebbe essere quella di unirsi ad una comunità già esistente, qualora ci trovassimo bene insieme.

ATTIVITÀ
Desideriamo attuare la permacultura, senza sfruttare né animali né piante, ma aiutando a ricreare ecosistemi funzionanti e prediligendo una fauna antropica (animali che possano integrarsi autonomamente). Per noi piante, animali e uomini sono considerati alla pari, senza discriminazioni di nessun tipo. Rispettiamo la vita armonica delle piante volendo condividere il loro linguaggio extrasensoriale. Si potrà agevolare la crescita delle piante con sistemi benefici ed energetici (a questo proposito si legga “La vita segreta delle piante” di Peter Tomkins).
Uno stile di vita semplice, libero da molte delle stimolazioni sensoriali che ci avvelenano nella realtà civilizzata, porterà a raggiungere la salute del corpo e dello spirito, risveglierà pienamente la nostra coscienza in questo importante periodo che stiamo vivendo. Il tutto senza sentimenti di privazione. Ma cercando di percepire sempre l’abbondanza, la comodità.
Noi puntiamo all’ autosufficenza energetica al 100% anche raggiunta nel tempo. Quindi inizialmente potremmo usufruire di servizi comunali per erogazione gas o energia elettrica.
Un potenziale di guadagno minimo potrebbe attuarsi attraverso piccole vendite, artigianato vario o seminari. A offerta libera potremmo tenere incontri, corsi, anche progettando una casa della salute.
La terra ci donerà quanto necessario per il sostentamento fisico e spirituale. Coltiveremo da seed-savers molte varietà antiche da proteggere.
Il sistema agricolo dev’essere autosufficiente. Minimo disturbo del suolo. Rimboschimento impiantando foreste e macchia per proteggere il suolo.
Piante e animali forniranno spontaneamente combustibile, concime, lavoreranno il terreno, controllando insetti nocivi e infestanti, permetteranno il riciclo delle sostanze nutritive, l’arricchimento dell’habitat, l’aerazione del suolo, la prevenzione degli incendi e dell’erosione e così via. Il tutto senza alcuno sfruttamento.
Disporremo gli elementi del sistema (casa, frutteto ecc.) secondo la frequenza d’uso e di manutenzione.
Potremmo disporre alberi alti e di media altezza con uno strato inferiore di cespugli e piante erbacee. È molto importante organizzare il sistema in modo da ridurre al minimo la competizione per l’acqua e la luce.
Strette associazioni di specie raggruppate attorno a un elemento centrale (pianta o animale) operano principalmente in relazione all’elemento centrale favorendone la crescita, facilitandone la gestione e mitigando eventuali fattori ambientali avversi.
Si possono coltivare piante per proteggere il suolo dall’erosione e per fornire sostanza organica. Di solito si utilizzano le colture tappezzanti nei giovani frutteti, negli orti e nei campi durante la stagione fredda e talvolta sono sovesciate prima della fioritura e dell’emissione di semi. Il sovescio consiste in piante sotterrate nel terreno per aumentarne la fertilità, per es. leguminose.
Un elemento importante dell’orto è lo stagno che, anche se di piccole dimensioni, può essere utilizzato  come rifugio per le rane predatrici d’insetti. Gli specchi d’acqua modificano la temperatura dell’aria anche attraverso l’evaporazione. Piccoli laghi, stagni o bacini possono essere moderatori climatici efficaci, in particolare nelle aree aride.
L’acqua piovana raccolta è il migliore accumulatore di calore esistente.
In permacultura, l’esposizione viene presa in attenta considerazione in modo da trarne i maggiori vantaggi possibili. I pendii soleggiati, per esempio, sono particolarmente indicati per gli alberi da frutto e l’abitazione, perché in essi si registra il maggiore calore possibile in inverno.
Le barriere di piante frangivento sono usate da lungo tempo per proteggere case, animali e colture dai venti e sono le più efficaci nel controllo del microclima.
Gli alberi decidui piantati lungo il lato sud ed est della casa permettono al sole di riscaldare l’abitazione durante i mesi più freddi, senza che le foglie facciano da schermo. D’estate, invece, ombreggiano la casa impedendo che i raggi del sole colpiscano il tetto. Alcuni graticci, coperti di piante rampicanti sono usate da sempre per coibentare muri e tetti.
Per fornire calore, possiamo addossare la serra alla casa.
La frescura presente in grotte, cisterne di mattoni, rifugi antincendio e scantinati risulta molto utile per l’immagazzinamento e la conservazione di una gran varietà di alimenti.
Con la sostanza organica compostata concimeremo alberi e arbusti. I gabinetti a secco (compost toilette) o a fossa non utilizzano acqua e forniscono sostanza organica compostata che può essere utilizzata per concimare alberi e arbusti.

COME ARRIVARCI
Stiamo valutando un luogo adatto all’essere umano frugivoro con viaggi in luoghi mirati per esplorare zone, realtà culturali, ambientali, ecc..
L’unione fa la forza. Anche se per ora siamo dislocati quà e là, grazie a internet possiamo tenerci in contatto e scambiarci informazioni. Vorremo che ognuno di noi interessati partecipasse attivamente o da casa (con ricerche da libri o internet) o viaggiando (per esempio recandosi in campagna per visitare terreni, centri di permacultura, di coltivazione di varietà antiche, o quant’altro, incluso incontrare persone che possano fornire informazioni ed esperienze utili. Ognuno può dare un occhio ai terreni nelle campagne a lui vicine. Analizzando i pro e i contro (cacciatori, terreni limitrofi trattati con la chimica, ecc.ecc..)
A parte è pubblicata una lista delle tematiche da approfondire nelle quali possiamo tutti contribuire. Teniamoci aggiornati via mail.
Tutte le nuove informazioni possono essere diffuse nel blog pubblico sotto comune accordo, omettendo eventualmente nomi e luoghi specifici, oppure possono essere diffuse agli interessati senza renderle pubbliche sul web. Decideremo in base ai casi.
Chiunque specificherà di voler o non voler diffondere info utili al progetto o ricevere mail da noi verrà ascoltato e rispettato.

CHI CERCHIAMO
Cerchiamo persone apolitiche e non legate alle istituzioni religiose o fanatiche di chiesa (CL, ecc..) o quant’altro di istituzionale, che vogliano partecipare attivamente al progetto e vorremmo creare un gruppo. Persone con uno spirito gioioso e avventuroso. Umili, oneste e fiduciose nelle leggi universali della natura vivente. Persone che, come noi, si sono rese conto del grande inganno cui siamo soggetti (avvelenamento del cibo, dell’acqua, dell’aria, propaganda di farmaci, vaccini e alimenti non idonei all’essere umano, elettro smog, signoraggio bancario, ogm, haarp, minaccia nucleare ecc..) e dei pericoli che si corrono rimanendo all’interno del “sistema” e dei contesti urbani.
Persone interessate ad ascoltare l’essere psichico in noi, la nostra guida spirituale.
Non vogliamo asservirci al potere, che ci riempie di illusioni per comprare il nostro consenso con un irreale benessere.
Se i nostri propositi vi appaiono ambiziosi, abbiate il coraggio e volontà di credere in voi stessi e nelle vostre capacità. In tal modo si può rendere possibile questo viaggio di risveglio della coscienza. Per sviluppare un amore vero e puro è necessaria una trasformazione. Le vecchie abitudini andranno abbandonate per il nuovo e questo è doloroso. L’imprevedibilità dell’ignoto tende a portarci verso ciò che ci è familiare, dato che ci da apparenti garanzie, perciò va operata una scelta decisa per maturare verso una vera indipendenza.
Consideriamo la frutta il cibo adatto all’uomo. I cadaveri e i cibi morti sono dannosi stimolanti, al pari del fumo o dell’alcool. Per essere lucidi e svegli evitare l’uso di sostanze che creano dipendenza.
Preferibilmente l’alimentazione dei partecipanti al progetto sarà in direzione del vegan crudismo, cioè frutta e verdura.

NOTA IMPORTANTE
Noi crediamo nell’uguaglianza di ogni essere e per questo fra di noi non ci sarà alcuno che avrà in qualche modo più potere di un altro membro. Se una persona possiede di più e deciderà di sua spontanea volontà di mettere in comune beni come soldi, frutta, casa, abilità particolari o quant’altro, per questo non dovrà aspettarsi nulla in cambio in quanto verrebbe a crearsi una situazione di debito nei suoi confronti. Nessuno sarà in debito con qualcun’altro. La cooperazione fra di noi è fondamentale e non ha nulla a che vedere col debito ma si basa sull’onestà, sull’amicizia e sul rispetto reciproco. Non si devono nascondere le proprie idee o dubbi con gli altri.
Di preferenza i soldi investiti per il progetto verranno divisi equamente.
Chi e’ interessato a unirsi al nostro viaggio e al nostro progetto invii una mail a questo indirizzo rawvegan@email.it

Tel.             (+39) 3397734004

Essendo in viaggio non avremo sempre occasione di controllare la mail, quindi potremmo rispondervi in ritardo. Aggiornamenti sul blog:  http://rawvegan.myblog.it/

A presto, Mira e Will