LaCasaRotta

Posted in Comunità intenzionali ed ecovillaggi

LaCasaRotta

Di seguito una presentazione di questa interessante realtà comunitaria, offerta dai loro membri.

Buona lettura!

Manuel Olivares

 

Le nostre azioni si basano su un approccio ispirato ai concetti di decrescita felice, sovranità alimentare, riduzione degli sprechi e filosofia del “saper fare” in una logica di rete e di scambio tra comunità, peer to peer.
La rottura che viene citata nel nome è una rottura come crisi che cambia il suo stato, attraverso lo sviluppo di punti di vista critici e mette in atto stili di vita sostenibili e nuovi paradigmi culturali.
LaCasaRotta è attualmente un progetto di cohousing per condividere spazi e tempi tra persone diverse, sarà inoltre un circolo-bistrot-culturale.
Un luogo dove le persone possono incontrarsi, dialogare ma anche imparare, progettare, sognare, esprimersi, bere, mangiare, suonare, fare arte, rilassarsi, ballare, coltivare, giocare.
Un luogo per trovare nuove “rotte”.
Nel 2011 acquistiamo un vecchio cascinale da ristrutturare con l’intento di realizzare un luogo in cui le persone possano vivere e sperimentare in armonia nuovi stili di vita.
Nello stesso anno si costituisce l’associazione di promozione sociale LaCasaRotta che vede impegnato un gruppo di giovani con competenze nei più svariati ambiti: ambientale, agricolo, culturale, gastronomico, artistico, architettonico. Persone attive che creano uno spazio pubblico informale di scambio e conoscenza, aperto, con uno sguardo anche rivolto alle radici del territorio.
Negli ultimi anni abbiamo organizzato numerosi eventi per sostenere il progetto e offrire nuove opportunità sul territorio.
Nell’inverno 2014 abbiamo iniziato a coltivare un appezzamento di terra in affitto, ora acquistato (abbiamo un mutuo) che ci ha permesso di costituire una piccola azienda agricola chiamata NuoveRotte.
Produciamo ortaggi, cereali e frutta con metodi naturali (biodinamico+sinergico+ agroecologico) in 8 ettari di terreno.
Lavoriamo per avere un alto grado di biodiversità nell’organismo agricolo: abbiamo di solito 18 varietà di pomodori diversi, 4/5 varietà di grani antichi che usiamo poi per panificare, 2 varietà antiche di mais, tante varietà diverse di verdure.
Cerchiamo di riprodurci i semi e di lavorare perché l’organismo agricolo sia in equilibrio.
Attualmente siamo impegnati sia nella ristrutturazione del piano terra della cascina che nelle lavorazioni agricole dell’azienda.
La cascina ha cambiato aspetto grazie al nostro lavoro fatto con costanza e ostinazione in bioedilizia naturale: al momento partecipano al “progetto casa” sei adulti e quattro bambini e come Associazione siamo aperti a nuove conoscenze e a chi vorrà scegliere di condividere con noi il suo percorso di vita attivamente, facendo parte di questo dinamico nucleo famigliare.
Facciamo parte del wwoof, della RIVE e della rete di comunità del cibo di Slow Food/Terra Madre.  Ci guida la voglia di condividere le giornate, anche durante il recupero della cascina, per questo diciamo che questa è una costruzione partecipata: è così che siamo portatori di energie costruttive, consapevoli, sostenibili per il futuro.
Ognuno è coinvolto nella pratica al recupero della cascina durante le fasi di ricerca, invenzione, progettazione e manodopera.
Le attività che facciamo costantemente sono: corsi di biodinamica e agricoltura naturale, corsi di panificazione naturale con i nostri grani antichi, corsi di costruzione di forni in mattoni di terra cruda, laboratori artistici e in natura per bambini, corsi di gastronomia locale, cene a tema, corsi di costruzione di stufa a razzo, corsi di cocciopesto, uso della paglia in edilizia e della calce naturale, open day e passeggiate in natura.

 

Sulla pagina Facebook lacasarotta trovi le informazione sui prossimi eventi e quelli passati.
il nostro sito è www.lacasarotta.com 
E mail: casa.rotta@yahoo.it
Contatti Telefonici
Michela: 3393812950
Organismo agricolo Nuoverotte: Stefano Vegetabile; 3336861486
Bioedilizia: Claudio Rosso; 3336660221

 

LaCasaRotta Associazione di promozione sociale
Fraz. San Bartolomeo 94/96
12062 Cherasco (CN)
C.F. 91029900049

Michela Lenta

 

Per approfondire il fenomeno comunitario

 

Quindici anni di studi — in biblioteca e sul campo — sul vivere insieme.
Il quarto di una fortunata serie di testi sull’universo comunitario, ogni giorno più multiforme. Un excursus che, dalle prime comunità essene, giunge alle contemporanee esperienze di cohousing tentando di non trascurare nessuno: esponenti radicali della riforma protestante, socialisti utopisti, anarchici, hippies, kibbutzniks, ecologisti più o meno profondi, new-agers, cristiani eterodossi, musulmani pacifisti e altro ancora.
Una mappatura ragionata — su scala italiana, europea e mondiale — di gruppi di persone che abbiano deciso di condividere, in vario modo, princìpi, ambienti, beni di vario genere e denaro, di comunità sperimentali — spesso ecologiste — dove si sondino le suggestive sfide di uno spazio vitale comune.

 

Manuel Olivares, sociologo di formazione, vive e lavora tra Londra e l’Asia.
Esordisce nel mondo editoriale, nel 2002, con il saggio Vegetariani come, dove, perchè (Malatempora Ed). Negli anni successivi pubblicherà: Comuni, comunità ed ecovillaggi in Italia (2003) e Comuni, comunità, ecovillaggi in Italia, in Europa, nel mondo (2007).
Nel 2010 fonda l’editrice Viverealtrimenti, per esordire con Un giardino dell’Eden, il suo primo testo di fiction e Comuni, comunità, ecovillaggi.
Seguiranno altre pubblicazioni, in italiano e in inglese, l’ultima e di successo è: Gesù in India?, sui possibili anni indiani di Gesù.

 

Leggine l’introduzione

 

Prezzo di copertina: 16.5 euro Prezzo effettivo: 14 euro