Spazio Nomade

Posted in Comunità intenzionali ed ecovillaggi

Di seguito, la presentazione di un progetto di ecovillaggio a Cisternino, in provincia di Brindisi (poco distante dalla Fondazione Bhole Baba). Riporto quanto scritto sul sito www.corpinomadi.it, amministrato da Marilena Gulletta, artista ed ideatrice del progetto.

Oltre la metà della popolazione mongola vive nella gher, la dimora nomade per eccellenza, o yurta (come la chiamavano i sovietici usando il nome turco). Un cono bianco che contrasta con il verde del paesaggio mongolo e piccolo capolavoro di tecnica e funzionalità.
Erodoto, storico greco, ne ha parlato almeno 2500 anni fa, quando ha descritto le popolazioni nomadi di queste zone incontrate durante i suoi numerosi viaggi. Nel film Troy la casa di Achille era una gher (1300-1200 a.c.)!

Obiettivo del nostro progetto di ECO-VILLAGGIO è creare un approccio olistico al vivere eco-sostenibile, questa intenzione si articola attraverso:

  •  l’impiego di sistemi abitativi ecologici a basso costo;
  •  l’utilizzo di energie pulite da fonti rinnovabili.
  •  la produzione locale di cibo utilizzando la bio-agricoltura (ortaggi e frutta),
  •  la socialità basata sulla sostenibilità, l’ecologia e l’ospitalità.
  •  lo sviluppo di attivita’ ludiche  e culturali coerenti con i modelli della societa’ del domani.

Esempio di soluzioni integrate alla crisi globale ecologica e sociale, un tentativo moderno di vivere in armonia con la natura, con gli altri e con se stessi nella sperimentazione di idee e moderne tecnologie.

Spazio Nomade
Marilena Gulletta
Centro Culturale Italo Mongolo
ASS. CORPI NOMADI
C.da montanaro 3 Cisternino (Brindisi)
CELL 3398629672 – 3493266782
spazionomade2010@gmail.com
marilenagulletta@libero.it
www.corpinomadi.it
 
 

 

Per approfondire il fenomeno comunitario

 

Quindici anni di studi — in biblioteca e sul campo — sul vivere insieme.
Il quarto di una fortunata serie di testi sull’universo comunitario, ogni giorno più multiforme. Un excursus che, dalle prime comunità essene, giunge alle contemporanee esperienze di cohousing tentando di non trascurare nessuno: esponenti radicali della riforma protestante, socialisti utopisti, anarchici, hippies, kibbutzniks, ecologisti più o meno profondi, new-agers, cristiani eterodossi, musulmani pacifisti e altro ancora.
Una mappatura ragionata — su scala italiana, europea e mondiale — di gruppi di persone che abbiano deciso di condividere, in vario modo, princìpi, ambienti, beni di vario genere e denaro, di comunità sperimentali — spesso ecologiste — dove si sondino le suggestive sfide di uno spazio vitale comune.

 

Manuel Olivares, sociologo di formazione, vive e lavora tra Londra e l’Asia.
Esordisce nel mondo editoriale, nel 2002, con il saggio Vegetariani come, dove, perchè (Malatempora Ed). Negli anni successivi pubblicherà: Comuni, comunità ed ecovillaggi in Italia (2003) e Comuni, comunità, ecovillaggi in Italia, in Europa, nel mondo (2007).
Nel 2010 fonda l’editrice Viverealtrimenti, per esordire con Un giardino dell’Eden, il suo primo testo di fiction e Comuni, comunità, ecovillaggi.
Seguiranno altre pubblicazioni, in italiano e in inglese, l’ultima e di successo è: Gesù in India?, sui possibili anni indiani di Gesù.

 

Leggine l’introduzione

 

Prezzo di copertina: 16.5 euro Prezzo effettivo: 14 euro